E.ON, donazione all’ospedale Humanitas Gavazzeni di Bergamo per il potenziamento del reparto di terapia intensiva

23/03/2020 - E.ON, primario operatore del mercato energetico, ha deciso di dare il proprio segno di vicinanza e di sostegno alla lotta contro la diffusione del Coronavirus in questo delicato momento di emergenza sanitaria.

L’azienda ha contribuito con una donazione per acquisire nuove attrezzature e materiali per il reparto di terapia intensiva dell’ospedale Humanitas Gavazzeni di Bergamo, una tra le zone più colpite dall’epidemia, in cui E.ON è particolarmente presente e radicata.

Il gesto di solidarietà di E.ON si affianca alle misure intraprese fin da subito dall’azienda a tutela della salute e sicurezza delle proprie persone, delle famiglie, di clienti e partner, e di conseguenza di tutta la comunità.

Siamo convinti che l’energia di ognuno di noi possa fare la differenza in questo momento critico e complesso” commenta Péter Ilyés, CEO di E.ON Italia. “Con questa iniziativa vogliamo essere al fianco di tutti gli operatori sanitari che lottano ogni giorno in prima linea e contribuire al loro impegno con un supporto concreto. La loro dedizione è una testimonianza importante per ognuno di noi: siamo infatti convinti che grazie all’impegno di tutti possiamo guardare con fiducia al futuro”.

E.ON è un Gruppo energetico internazionale a capitale privato, con oltre 70.000 dipendenti nel mondo e con Sede pricipale a Essen, in Germania. Con il chiaro obiettivo di diventare un partner energetico per i clienti, E.ON, anche in Italia, si  posiziona tra gli operatori leader nel mercato dell’energia, del gas e delle soluzioni, con oltre 850.000 clienti tra residenziali, imprese e pubbliche amministrazioni in tutto il Paese. www.eon.it


Per ulteriori informazioni

contattare:

Giovanna Di Bacco

eit.ufficiostampa@eon.com