Grazie al sostegno di E.ON piantumati 3.000 nuovi alberi a Predazzo (TN) per ripristinare il patrimonio forestale danneggiato dalla tempesta Vaia

28/10/2020 - Si è concluso l’intervento di forestazione che vede protagonista il Comune di Predazzo, sostenuto da E.ON e che rientra nella Campagna Mosaico Verde.

Grazie a questa iniziativa sono stati messi a dimora 3.000 alberi con l’obiettivo principale di ripristinare il patrimonio forestale danneggiato ed impoverito a causa della Tempesta Vaia, che ha colpito, nell’ottobre del 2018, il territorio del Comune trentino con una intensità tale da causare la distruzione di centinaia di migliaia di alberi.

La piantumazione rientra nell’ampio progetto di riforestazione “Boschi E.ON” che l’azienda di energia porta avanti su territorio nazionale dal 2011 e che, fino a ora, grazie al coinvolgimento di oltre 100.000 clienti che hanno deciso di sostenere il progetto, ha permesso di mettere a dimora più di 100 mila alberi in tutta Italia, facendone uno dei più rilevanti progetti di forestazione mai portati avanti da un’impresa privata. L’iniziativa ha portato alla creazione di 34 aree boschive in 8 Regioni italiane (Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Trentino Alto Adige, Veneto, Lazio, Umbria e Puglia) che contribuiscono, nella loro vita utile, all’assorbimento di circa 74.000 tonnellate di CO2, pari alle emissioni di anidride carbonica prodotte dai consumi energetici di oltre 72.000 famiglie.

L’intervento per il Comune di Predazzo, promosso da E.ON e fortemente voluto dall’Amministrazione locale, ha riguardato un’area localizzata nel tratto che collega il centro della città con la frazione di Bellamonte, una delle località più suggestive della Val di Fiemme.

È stato necessario effettuare una prima fase di pulizia dell’area e un’attività di sgombero dei tronchi abbattuti dalla tempesta e solo successivamente si è potuto procedere all’impianto di nuovi alberi.

“Ci da grande gioia il vedere rinascere una porzione del nostro territorio forestale duramente devastata da VAIA – dichiara Giovanni Aderenti Vicesindaco e Assessore alle Foreste del Comune di Predazzo -. L’ amministrazione è grata ad E.ON per l’iniziativa di piantumazione che dimostra grande sensibilità verso le tematiche ambientali. Il bosco è, per noi, parte integrante della nostra comunità e della nostra cultura. A causa della Tempesta Vaia si era quindi aperta una profonda ferita che grazie a questo intervento in parte si è rimarginata con la ricostituzione di un patrimonio naturale di immenso valore per tutti noi”.

Le specie arboree, scelte per consolidare la struttura superficiale del terreno aumentandone la resistenza all’erosione e al rischio di dissesto idrogeologico sono state: il larice bianco, l’abete bianco e l’abete rosso.

Questa iniziativa di piantumazione e recupero del patrimonio forestale danneggiato dalla tempesta Vaia è pienamente in linea con il nostro impegno per la sostenibilità, orientato al contrasto del cambiamento climatico e alla rigenerazione verde a beneficio delle comunità” ha dichiarato Péter Ilyés, CEO di E.ON Italia. “Un impegno che vede coinvolti in prima persona i nostri clienti, veri protagonisti del progetto dei Boschi E.ON: siamo convinti infatti che per ottenere risultati concreti ed efficaci occorra agire insieme, unendo le forze con tutti i nostri stakeholder in una community di persone consapevoli e in grado di generare un cambiamento di vasta portata” ha concluso Ilyés.

L’iniziativa si inserisce all’interno della Campagna nazionale Mosaico Verde, ideata e promossa da AzzeroCO2 e Legambiente, nata con lo scopo di facilitare l’incontro tra le necessità degli enti locali di recuperare aree verdi e la volontà delle aziende di investire risorse nella creazione o tutela di boschi permanenti, come misura di Responsabilità Sociale d’Impresa.

“Grazie all’iniziativa Boschi E.ON, stiamo portando avanti un progetto pluriennale di riforestazione su tutto il territorio nazionale, convinti che questa sia la strada giusta per arginare la crisi climatica e garantire il benessere della collettività - Ha dichiarato Sandro Scollato, Amministratore Delegato di AzzeroCO2 -. L’intervento nel Comune di Predazzo è per noi molto importante in quanto volto a ripristinare un’area tra le più colpite dalla tempesta Vaia con l’obiettivo concreto di restituire questo patrimonio naturale alle comunità locali che vivono in questi territori”.

Contatti ufficio stampa

 

Per il Comune di Predazzo

Aderenti Giovanni

Vicesindaco del Comune di Predazzo

Assessore alle Foreste

aderenti@yahoo.com

Per ulteriori informazioni contattare:

Giovanna Di Bacco
eit.ufficiostampa@eon.com